Sito Ufficiale del Comune di Solarolo

Salta ai contenuti
 
Comune di Solarolo
Comune di Solarolo
 
Sei in: Home - Filo Diretto - Comunicati stampa - Un’ambulanza resta ferma 15 minuti al passaggio al livello di Via Pascoli. La denuncia del sindaco Anconelli: «Siamo stanchi di questa situazione»  
Filodiretto
 
 
Calendario eventi
 
Mese Precedente Novembre 2017 Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
 
 
02/09/2016

Un’ambulanza resta ferma 15 minuti al passaggio al livello di Via Pascoli. La denuncia del sindaco Anconelli: «Siamo stanchi di questa situazione»

Già in passato, dopo le lamentele di cittadini, la Giunta comunale di Solarolo aveva preso atto dei lunghi tempi d'attesa al passaggio a livello di via Pascoli, all'intersezione con via Felisio, manifestando le proprie rimostranze a RFI, la società partecipata al 100% da Ferrovie dello Stato Italiane con funzioni di gestore dell'infrastruttura ferroviaria. Alcune volte la chiusura delle sbarre si protrae fino ad oltre venti minuti, con conseguente disagio per la circolazione ed impossibilità di movimento per i mezzi di soccorso. E’ quanto accaduto nella mattinata di ieri, quando un’ambulanza (come testimonia la foto allegata) è rimasta bloccata per circa un quarto d’ora, quando il passaggio a livello è rimasto chiuso al traffico dalle 8,19 alle 8,40. Il sindaco ha provveduto, nel primo pomeriggio di ieri, ha segnalare formalmente l’accaduto sia alla Prefettura che alla ASL della Romagna.

«Questo episodio è grave e non può passare inosservato – dichiara il sindaco Fabio Anconelli - In questi anni, anche grazie alla collaborazione con la prefettura, abbiamo chiesto a RFI di intervenire concretamente per ridurre i tempi di attesa di un passaggio a livello che divide una comunità per decine di minuti in diversi momenti della giornata e, come è avvenuto ieri, può mettere a rischio la salute di chi ha bisogno. Ma tolte alcune piccole ottimizzazioni, nella sostanza la situazione non è migliorata. La cittadinanza è stanca. Ed io con lei. Non è possibile, nel terzo millennio, che con l'attuale tecnologia non sia possibile garantire la sicurezza del traffico ferroviario insieme al diritto di non vedersi impedita la libera circolazione nel proprio paese. Mi auguro che da questo episodio possa scaturire un impegno a risolvere il problema in modo serio e duraturo».

FB_IMG_1472712334691