Sito Ufficiale del Comune di Solarolo

Salta ai contenuti
 
Comune di Solarolo
Comune di Solarolo
 
Sei in: Home - Filo Diretto - Comunicati stampa - Domenica 25 settembre tutta la comunità si ritroverà in centro storico per un pranzo a favore dei cittadini terremotati di Montegallo  
Filodiretto
 
 
Calendario eventi
 
Mese Precedente Novembre 2017 Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
 
 
16/09/2016

Domenica 25 settembre tutta la comunità si ritroverà in centro storico per un pranzo a favore dei cittadini terremotati di Montegallo

Domenica 25 settembre il centro storico di Solarolo ospiterà una lunga tavolata per un pranzo conviviale che coinvolgerà l’intera comunità. Il ricavato andrà in beneficenza ai cittadini di Montegallo, piccolo Comune in provincia di Ascoli Piceno colpito dal terremoto che il 24 agosto scorso ha devastato il centro Italia, causando circa trecento vittime, tanti feriti e migliaia di sfollati. Il pranzo, che inizierà verso mezzogiorno, è organizzato dal mondo associazionistico locale, con il patrocinio del Comune. Vi hanno aderito: Pro Loco, Avis, A sé tot mét, Gruppo Archeologico Solarolese, As Solarolese, Te’ Bota, Mercato del Contadino, Solarolo da vivere, I Cultunauti, Amici di Felisio, Associazione Volontari Solarolo, Parrocchie di Solarolo e Felisio, Musicattivi, Cif, Protezione Civile Solarolo, Caritas e Anspi. Interverrà anche la Banda musicale di Solarolo.  

«Tutta la cittadinanza sta lavorando compatta a questa iniziativa (la parrocchia ha stampato e distribuito 2700 volantini in paese, ndr.) – dichiara il sindaco Fabio Anconelli – Pranzeremo con pasta all’amatriciana, piadina e salsiccia, ad un prezzo di dieci euro che andranno devoluti ai cittadini di Montegallo, borgo colpito dal terremoto, le cui abitazioni sono in gran parte inagibili. Abbiamo deciso di aiutarli nell’immediato, ad affrontare il prossimo inverno con delle sistemazioni provvisorie, in attesa di verificare meglio nei prossimi mesi lo stato degli edifici. Siamo certi che i cittadini solarolesi, e non solo, risponderanno numerosi a questa iniziativa, confermando quello spirito solidale che li ha sempre contraddistinti».